WELCOME TO  ALBERTO BECATTINI'S PAGES

Benvenuti nelle mie pagine! Per chi ancora non mi conoscesse, dirò che da ormai quarant’anni mi occupo di fumetti, illustrazione e disegni animati. Qualcuno mi definisce un esperto, ma io mi sento più che altro un appassionato filologo, oltre che un collezionista. Il mio interesse è sempre stato per gli autori piuttosto che per i personaggi, perciò in questo blog troverete post dedicati ad autori, spesso misconosciuti. Ci saranno sceneggiatori, disegnatori, illustratori e animatori. Insomma, ne vedremo delle belle…almeno spero. Cercherò di aggiornare il blog almeno una volta alla settimana, variando di volta in volta il campo d’azione dell’autore. Spero che mi seguiate ad attendo i vostri commenti. Salutoni!

 

NOTA: Il materiale presentato nel sito è riprodotto ai soli fini di studio e documentazione. Il copyright è dei rispettivi proprietari

 

Welcome to my blog! For those who don’t know me, I’ve been dealing with comics, illustration and animation for forty years. Somebody says I’m an expert, but I like to think of myself as a passionate philologist and a collector. I have always been interested in authors rather than characters, so the posts you will find here will be devoted to often little-known authors. There will be writers, artists, illustrators, and animators. I hope you will enjoy yourselves. I’ll try to update the blog weekly, changing the author’s field every time. I hope you’ll be following me, and I’m looking forward to receiving your comments. Best to all!

 

NOTE: All images are owned and copyright by their respective holders and are presented here for educational purposes only.

 


 Il vostro irsuto ospite, immortalato da Gianfranco Goria / Your furry host, immortalized by Gianfranco Goria

 

 

DIRITTI

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Alcune delle foto presenti su queste pagine sono state reperite in Internet: i link sono visibili, dove presenti sono state lasciate le firme degli autori. Chi ritenesse danneggiati i suoi diritti d'autore può chiederne la rimozione contattandoci tramite il box sulla sinistra.

Photo Gallery: Alberto's Page

BOOK FRIENDS ... WRITE A COMMENT

Data 21.04.2016
Autore Fabrizio
Oggetto Kerry Drake

Buongiorno,
Da tempo mi incuriosisce la figura di Alfred Andriola e la storia infinita dei suoi " assistenti" , veri autori della strip di Kerry Drake.Si riesce a sapere , in dettaglio, chi ha fatto cosa e quando ? Secondo me ci sarebbe spazio per una di quelle biografie non autorizzate sulla figura di Andriola. Inoltre Le chiedevo se per caso è a conoscenza di ristampe di Kerry Drake del periodo da metà degli anni 50 in poi . Grazie in anticipo e vivi complimenti per il suo lavoro .

Data 25.04.2016
Autore Alberto Becattini
Oggetto R: Kerry Drake

Caro Fabrizio,
Su Andriola e i suoi "ghosts" ho scritto un pezzo su Fumetto (ANAFI) n. 78 del maggio 2011. È davvero difficile dire che cosa Andriola abbia effettivamente disegnato... L'ipotesi più plausibile è che abbia sempre avuto un matitista e che si sia quindi limitato a fare le chine, almeno fino a quando Sururi Gumen non ha preso a disegnare completamente Kerry Drake. Comunque leggi quanto segue, e credo che troverai le risposte alle tue domande.
Cari saluti,
Alberto

Il percorso artistico di Andriola ricorda per molti versi quello di Bob Kane, sedicente creatore e (fino al 1968) unico autore di Batman. Come Kane, anche Andriola è, soprattutto, un ottimo promotore di se stesso. Soltanto dopo la sua morte, nel 1983, si saprà infatti che ha effettivamente realizzato una minima parte delle strisce a lui accreditate. Quando inizia a produrre Charlie Chan, nel 1938, gli danno una grossa mano gli amici Milton Caniff (per le sceneggiature) e Noel Sickles (per i disegni), dopodiché Andriola si assicura i servigi di un ghost a tempo pieno, Charles Raab. I testi di Dan Dunn non sono suoi, ma di Allen Saunders, effettivo creatore di Kerry Drake, la striscia poliziesca distribuita a partire da lunedì 1° ottobre 1943 dal Publishers Syndicate. Sarà sempre e solo Andriola a firmarla fino al 1976, ma in realtà è Saunders a scriverne tutte le trame fino al 1974, seguìto dal figlio John Saunders (1974-76) e da William Overgard (1976-83). Per i disegni, Andriola si avvale fin dall’inizio della fattiva collaborazione di tutta una serie di assistenti e ghost. All’inizio è di nuovo al suo fianco Charles Raab, che lo aiuta durante il primo anno di produzione. Segue Marcia Snyder, nel periodo 1943-45 (quando molti disegnatori non sono disponibili in quanto impegnati sotto le armi). È quindi il turno di Fran Matera nel 1946-47 e poi di Marvin Bradley, che supporta Andriola prima di aggiudicarsi una propria striscia, Rex Morgan, M.D., nel 1948. Nei primi anni Cinquanta Andriola conta sulla collaborazione di almeno due ghost, Joe Pinto e Jerry Robinson (quest’ultimo, guarda caso, è stato anche il primo ghost di Bob Kane per Batman). Nel 1955 giunge negli USA l’esperto disegnatore turco Sururi Gümen (1920-2000), che ben presto si occupa del disegno completo di Kerry Drake. In uno slancio di generosità, nel 1976 Andriola concede a Gümen (il quale, come abbiamo visto, è anche l’unico disegnatore di It’s Me, Dilly) di firmare la striscia, che avrà quindi una doppia attribuzione fino alla sua chiusura, nel 1983. Non mancano, tuttavia, gli assistenti del ghost. Quelli noti sono Hy Eisman, che si occupa del disegno a matita nel 1957-59; Rick DiCecca, nel 1979; e il veterano Al McWilliams, nel 1983. Sin dagli anni Cinquanta, il lettering viene eseguito dall’ottimo Ben Oda. Alla luce di tutto questo, e del fatto che gli addetti ai lavori conoscono certamente i retroscena produttivi di Kerry Drake, fa un po’ sorridere (amaramente, in verità) che la NCS decida di assegnare il Reuben Award al sedicente nonché autocelebrativo cartoonist Andriola quale “miglior realizzatore di una striscia a fumetti” per l’anno 1970.

Kerry su comic books e riviste
Kerry Drake approda ai comic books un anno dopo il debutto sui quotidiani. L’editrice Life’s Romances/Magazine Enterprises gli dedica infatti il primo albo (in realtà privo di numero e con un formato appena più ampio del solito) della collana-contenitore A-1 Comics (1944), che con il titolo Kerry Drake Detective ristampa a colori strisce del 1943 su 26 pagine. La copertina è originale, ma non ascrivibile ad Andriola. Ancora la Magazine Enterprises inaugura subito dopo una collana intitolata Kerry Drake Detective Cases, la quale tuttavia conta soltanto quattro numeri (dal 2 al 5) usciti nel 1944. Il n. 2 è sottotitolato Trails the Faceless Horror, ed ha una bella copertina originale di Marvin Stein. Dello stesso Stein potrebbe essere anche la copertina del n. 3, mentre altri non meglio identificati disegnatori si occupano delle due successive. La copertina dell’ultimo numero, peraltro, propone in primo piano una bella ragazza legata (classica scena bondage) dal cattivo di turno, mentre Kerry accorre al salvataggio.
Dopo tre anni di silenzio, il Kerry Drake dei comic books viene preso in carico dall’editrice Harvey Comics, che ne ripropone le strisce, riformattate e colorate, sui nn. 8-13 dell’albo Black Cat (10-11/1947-9/1948), in ragione di 8-10 pagine su ciascun numero. La stessa Harvey riprende poi la collana della Magazine Enterprises, inaugurando Kerry Drake Detective Cases con il n. 6 del gennaio 1948. La testata proseguirà fino al n. 33 dell’agosto 1952. Di originale ci sono soltanto le copertine, realizzate per la maggior parte da Al Avison (anche se Andriola firma quelle dei nn. 7 e 9. Ciascun numero ristampa a colori 10 pagine di strisce riformattate. Sul n. 7 appare anche una biografia di Andriola, e gli ultimi due (il 32 e 33) sono intitolati Kerry Drake Racket Buster. Ancora la Harvey Comics propone il personaggio di Andriola anche su Green Hornet Fights Crime/Racket Buster nn. 42-47 (11/1948-9/1949) e infine su Chamber of Clues nn. 27 (2/1955, che ristampa Kerry Drake Detective Cases n. 19) e 28 (4/1955).
Una nuova testata dedicata a Kerry Drake, sovratitolata From the Confidential Files of… viene proposta dalla editrice Argo, la quale si limita tuttavia a pubblicarne due numeri con data gennaio e marzo 1956. Andriola ne firma le copertine.
Nel maggio 1986, l’editrice indipendente Blackthorne mostra un rinnovato interesse per il personaggio di Saunders e Andriola. Pubblica infatti il primo di cinque albi brossurati in bianco e nero, che ristampano strisce e tavole dal 16/4/1944 al 4/5/1946. Il quinto albo (uscito nel luglio 1987), in particolare, ripropone l’interessante sequenza nella quale Kerry ha a che fare con i trafficanti di droga, peraltro disegnata quasi completamente da Fran Matera. Nel luglio 1986, il n. 19 della rivista Nemo ristampa l’interessante episodio autoreferenziale The Case of the Missing Cartoonist (strisce dal 9/5 al 6/8/1949). Nei primi anni Novanta è un’altra editrice indipendente, la Spec Productions, a riprendere la ristampa di Kerry Drake là dove la Blackthorne l’aveva interrotta. La Spec ospita infatti il detective su Strip Adventure nn. 7 e 11, riproponendovi strisce e tavole dal 5/5/1946 al 30/3/1947. Gli dedica poi la Kerry Drake Detective Magazine, che nei 19 numeri fino ad oggi usciti pubblica strisce e tavole dal 31/3/1947 in poi. Dal n. 7 in poi le copertine sono realizzate da Nicky Zann.
Un’ultima curiosità. Un anno dopo l’interruzione della striscia, nel 1984, l’editrice svedese Semic Press prende a pubblicare sul periodico Serie Magasinet delle avventure appositamente realizzate con Kerry e Lefty Drake, che continueranno asd uscire fino alla fine degli anni Novanta. Tra gli sceneggiatori si distingue Claes Reimerthi, mentre ai disegni si alternano Brian Delaney, Enrique Villagrán, Hans Lindahl, Joan Boix e Martin Sauri.

Kerry Drake in Italia
La strip di Saunders e Andriola arriva in Italia nel marzo-aprile 1949, quando l’editore fiorentino Corrado Tedeschi le dedica due numeri (il 4 e 5) degli Albi Nuove Avventure, intitolati rispettivamente L’ascensore insanguinato e Lo scoppio del camion blindato. La ripropone, quasi venti anni dopo, la rivista Linus sul n. 28 (luglio 1967, strisce 24/4-22/7/1966). L’Editoriale Corno la ospita poi su Eureka n. 15 (dicembre 1968, strisce 3/2-2/5/1967) e sui supplementi Eureka Magnum (aprile 1969, strisce 3/5-8/9/1967) ed Eureka Parapioggia (febbraio 1970, strisce 12/4-15/6/1968). Nel 1975, la collana tascabile I Jumbo Pocket della Nea Omnia dedica a Kerry Drake i nn. 5 (3 per la legge!, marzo-aprile) e 7 (Colpo su colpo!, giugno), che presentano strisce riformattate del 1965, 1966 e 1970. È infine la rivista a circuito chiuso dell’Oasi Editoriale Nostalgia Comics a presentare sui nn. 0, 1-3, 5, 7, 9-11 (1981-83) le strisce inedite dal 7/4 al 17/7/1967, dal 17/6 al 19/10/1968 e dal 6/1 al 20/11/1969. Non ci risulta che le tavole settimanali di Kerry Drake siano mai apparse in Italia.

Data 26.04.2016
Autore Fabrizio
Oggetto R: R: Kerry Drake

Grazie, di cuore, non potevo chiedere di più, mi ha fornito con grande cortesia dettagli ed informazioni che non conoscevo, chiarendomi un sacco di interrogativi. Alla luce di tutto ciò rileggero' con altri occhi il materiale che gia' possiedo , andando nel contempo alla ricerca delle storie che mi mancano.
Un carissimo saluto e nuovamente grazie!

Data 02.03.2016
Autore Zarkov
Oggetto Hi, again!!

One question: I'm not an expert (I'm a rocket scientist...) but wasn't The Mind actually drawn by an obscure ghost artist named Max Crawfish?
Thanks again for your kind attention.

Hans.

Ps. Sorry for the typo in my previous message!

Data 02.03.2016
Autore Zarkov
Oggetto Hi!

Hi, Alberto, I'm an American fan of yours (even though I don't know a word of Italian). I think this website is very well made and competent , but I absolutely have no idea what you're talkin about...
Best.
Hans

Data 23.12.2015
Autore Matteo
Oggetto UACK di Panini

Buongiorno,

visto che cura alcune introduzioni a storie pubblicate in "UACK!", e visto che non riesco a contattare Luca Boschi in alcun modo, mi saprebbe dire se si vedranno più in là le storie di Barks degli anni '40? La collana è iniziata con le storie degli anni '50, ma uno dei motivi per cui seguo questa pubblicazione è la speranza di poter leggere i primi lavori del maestro dell'Oregon.

Grazie e Saluti!

Data 26.12.2015
Autore Alberto Becattini
Oggetto R: UACK di Panini

Caro Matteo,

Le classiche storie di Barks appariranno su UACK!, vai tranquillo. Mentre ti scrivo si sta ancora decidendo il nuovo assetto della rivista, ma in ogni caso Barks continuerà ad esserne un caposaldo.

Grazie per il tuo interesse e saluti,
Alberto

Data 26.12.2015
Autore Matteo
Oggetto R: R: UACK di Panini

Buonasera!

Grazie infinite per la risposta e per le rassicuranti informazioni...ora posso dormire tranquillo! :D

Di nuovo saluti e auguri di buone festività!

Matteo

Data 19.01.2015
Autore Bryan Stroud
Oggetto New Alter Ego

Alberto - Thanks for including my interview with Sy Barry in your excellent article. My interviews have actually been shared in a couple of Italian blogs and it makes me happy.

Data 26.01.2015
Autore Alberto Becattini
Oggetto R: New Alter Ego

Thank you, Bryan. I'm glad TwoMorrows sent you a copy. The second part is coming up in #131. It will be mainly about Flash Gordon.

Best,
Alberto

 

Cerca nel sito

Contattaci

© 2013 Tutti i diritti riservati. proprietà di Alberto Becattini

Crea un sito web gratisWebnode